Sono più del 30% le donne italiane affette da insufficienza venosa. Mentre tra la popolazione maschile è il 15% alle prese con questo disturbo caratterizzato da un cattivo ritorno del sangue venoso verso il cuore. Una condizione che rischia di aumentare in futuro a causa di stili di vita scorretti e cattive abitudini alimentari senza le adeguate precauzioni.
“Le proiezioni sono drammatiche – afferma Sandro Colaiuda, specialista in flebologia presso INI, Istituto Neurotraumatologico Italiano e docente all’Università di Siena – e anche se l’incidenza dovesse salire solo del 10% sarebbe allarmante per la popolazione”.

Per saperne di www.ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post