Le immagini spaventose rilanciate dai telegiornali e il Natale di sangue a Berlino non lasciano indifferenti i più piccoli. “Se i nostri bambini ci fanno domande legate alle immagini che hanno visto in tv relativamente agli attentati bisogna rispondere. Non ci sono domande alle quali possiamo sottrarci – afferma Nicoletta Aliberti, responsabile della Psichiatria Infantile dell’Ini, Istituto Neurotraumatologico Italiano – Noi genitori dobbiamo invece sottrarci al tentativo di controllare le nostre paure e le nostre angosce nel confrontarci con un sistema interno ed emotivo, quello di un bambino, che non è ancora pronto ad essere condotto nella spiegazione di questi eventi. Ma bisogna sostenerli. Bisogna rispondere ad una domanda simile”.

Per saperne di più www.affaritaliani.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post